liberastoria

Posts Tagged ‘giorno ricordo’

Foibe: “La presidente Marini ripeta queste parole anche il 27 gennaio”

In Attualità on 10 febbraio 2012 at 16:37

“Stupore e sconcerto: questo sono gli unici termini che possono essere espressi a seguito delle parole della Presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, quando afferma di superare i rancori nella storia ed evitare strumentalizzazioni politiche in relazione alle foibe e all’esodo giuliano-dalmata”. È quanto riferisce una nota dell’associazione culturale di promozione sociale, Libera Storia. “Ci auguriamo che la Marini ripeta gli stessi concetti, ad esempio, anche il prossimo 27 gennaio e che si faccia latrice di questo messaggio di pacificazione e distensione anche all’interno del suo partito e della sua area politica di provenienza che raramente ha applicato atteggiamenti di questo genere nei confronti degli episodi più rilevanti della recente storia contemporanea. Non è un segreto, ad esempio, che sempre nella sinistra italiana vi sia chi nega la stessa esistenza delle foibe, come ricordava un volantino affisso nella Rocco Paolina solo ieri a Perugia, o che per 70 anni si sia usata la vicenda dell’Olocausto e della Shoah come strumento di propaganda e demonizzazione di precise parti e partiti politici. Ora si chiede di usare un comportamento analogo nei confronti di un episodio storico da sempre volutamente ignorato nella storia repubblicana, riconosciuto ufficialmente solo otto anni fa, che ha interessato direttamente i nostri connazionali, e su cui solo oggi si stanno alzando i tanti veli dell’oblio che vi erano stati apposti. Il nostro auspicio – conclude la nota – è che l’atteggiamento auspicato dalla presidente Marini possa inaugurare una nuova stagione bipartisan nell’approccio alla storia ed al suo uso politico, rispettosi del principio che la storia va raccontata e non interpretata o ricostruita”.

Annunci

Foibe: Istriani, revoca onorificenze Tito o disertiamo cerimonie

In Attualità on 6 febbraio 2011 at 21:39

Altrimenti non presenzieranno a cerimonia Quirinale

(Ansa) – Trieste, 4 feb – Josip Broz, piu’ noto come maresciallo Tito, a capo della Jugoslavia dalla fine della seconda guerra mondiale alla morte, nel 1980, e’ ancora tra i cavalieri di Gran Croce della Repubblica Italiana. Lo denuncia l’Unione degli Istriani, chiedendo la revoca dell’onorificenza. Il presidente dell’associazione, Massimiliano Lacota, ha scritto al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, chiedendogli di ”voler procedere all’annullamento immediato del titolo di cavaliere di gran croce decorato di gran cordone dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, cioe’ l’onorificenza piu’ alta prevista dagli ordinamenti di benemerenza internazionale”. L’onorificenza fu conferita il 2 ottobre 1969, come si legge sul sito del Quirinale, dall’allora presidente Giuseppe Saragat. ”E’ semplicemente orribile e disgustoso – ha spiegato Lacota – che lo Stato italiano riconosca il dramma delle Foibe e allo stesso tempo annoveri tra i suoi piu’ illustri insigniti proprio chi ordino’ i massacri e la pulizia etnica degli Italiani d’Istria, ovvero il dittatore comunista Tito”. L’Unione degli Istriani, si legge in una nota, ”informa che senza il ritiro da parte del Presidente della Repubblica dell’onorificenza concessa a Tito, nessun rappresentante potra’ partecipare alla Cerimonia del 10 febbraio, Giorno del ricordo per le vittime delle foibe, al Quirinale”.