liberastoria

Posts Tagged ‘associazionismo’

I limiti del rapporto tra terzo settore ed enti locali in Umbria

In Attualità on 17 giugno 2011 at 12:37

Dal Giornale dell’Umbria di mercoledì 15 giugno 2011

Annunci

Libera Storia: “Rivitalizzare il modello associazionistico”

In Attualità on 11 marzo 2011 at 13:35

(Ansa) – Perugia, 10 mar – “La disaffezione dei giovani nei confronti del modello associazionistico, sottolineata dal rapporto dell’Aur, affonda le sue radici nella mancanza di vitalita’ di un modello troppo spesso vuoto e abusato”: lo sostiene Jacopo Barbarito, presidente dell’associazione culturale di promozione sociale, Libera Storia. ”Molte associazioni – dice Barbarito in una nota – sono tali solo su carta, nascono per provare ad accedere a contributi e finanziamenti, spesso non riuscendovi, senza obiettivi e strutture che rendono effettivamente sostenibili i loro scopi, finendo cosi’ per rimanere scatole vuote. Nello stesso tempo molte realta’ associative conoscono solo brevi stagioni di vita o finiscono per essere collegate a mondi esterni al panorama associazionistico, come quello politico o finanziario, oppure finiscono per concentrarsi solo su temi o ricorrenze eccessivamente specifiche, tali da limitare la propria capacita’ attrattiva ed affluenza. Per questo motivo di fronte alla mole di associazioni di tal fatta i giovani non finiscono per rimanerne distanti, non riuscendo a focalizzare il loro reale valore sociale, che e’ alla base del modello associazionista. Piuttosto che ai numeri, quindi, bisogna pensare alla validita’ e alla sostenibilita’ dei modelli associativi attuali, soprattutto in relazione alle associazioni non riconosciute, il cui corpo sociale e’ quanto mai indefinito e volubile e la cui stessa realta’ operativa e’ difficilmente appurabile. Capillarita’, continuita’ nelle iniziative, obiettivi chiari e sostenibili, strutture dirigenti reali ed operative: sono questi gli in gradienti fondamentali – conclude Barbarito – per ottenere credibilita’, sviluppare la propria mission di utilita’ sociale e, di conseguenza, seguito da parte dei giovani e dei meno giovani”.