liberastoria

Posts Tagged ‘umbria’

“L’Umbria in camicia nera”: recensione sul Corriere dell’Umbria

In Recensioni librarie e cinematografiche on 12 marzo 2012 at 09:21

Giorno del Ricordo 2012: rassegna stampa delle attività di Libera Storia

In Attualità on 11 febbraio 2012 at 11:07

Nel fil pdf allegato di seguito, la rassegna stampa degli eventi ed iniziative dell’associazione “Libera Storia” in occasione del Giorno del Ricordo del 10 febbraio di quest’anno

Rassegna stampa – Giorno del Ricordo 2012

“Finalmente il Giorno del Ricordo è divenuto patrimonio comune anche in Umbria”

In Attualità on 9 febbraio 2012 at 11:19

“Quest’anno il Giorno del Ricordo delle vittime delle foibe e dell’esodo della popolazione italiana della Venezia Giulia, dell’Istria e della Dalmazia verrà celebrato in maniera diffusa in tutta la regione, divenendo così finalmente un patrimonio culturale comune anche in Umbria”. E’ quanto riferisce una nota dell’associazione culturale di promozione sociale Libera Storia, che ha promosso eventi per il Giorno del Ricordo a Perugia, Gualdo Tadino, Bettona, Passignano sul Trasimeno e Montefalco. “Lo scorso anno furono una dozzina i Comuni in Umbria che ricordarono questa pagina drammatica della nostra storia contemporanea, quest’anno sono molti di più; non senza un pizzico di orgoglio possiamo affermare che ciò è dovuto anche al nostro impegno, diretto in questi ultimi due anni ad approfondire questa pagina storica, soprattutto in collaborazione con gli enti locali e le scuole. Ad otto anni dall’istituzione della giornata del 10 febbraio, secondo recenti sondaggi, solo il 46% degli italiani sa cosa siano le foibe e solo il 22% conosce i problemi legati alla storia del confine orientale della nostra penisola: si tratta di un gap pesante, soprattutto rispetto a tanti altri periodi e temi della nostra storia nazionale, rimasto sempre nell’ombra per i tanti risvolti storici e politici, frutto dell’esito della seconda guerra mondiale. Ora che anche queste logiche possono essere superate – conclude la nota – tutti noi abbiamo l’impegno morale a sensibilizzare soprattutto le giovani generazioni su queste tematiche ed indagare le tragiche vicende che ebbero luogo tra il 1943 ed il 1945 nelle regioni a cavallo del confine tra l’Italia e la ex Jugoslavia. Per questo motivo, anche quest’anno, abbiamo organizzato momenti di studio e dibattito nelle scuole ed in diverse sedi istituzionali”.

Unità d’Italia: “Siano valorizzati i luoghi della memoria dell’Umbria”

In Attualità on 21 agosto 2010 at 16:53

“In vista del 150° anniversario dell’Unità d’Italia il Comitato dei Garanti delle iniziative legate alle celebrazioni, presieduto dal professor Giuliano Amato, nell’ambito del progetto “I luoghi della memoria”, ha stilato un elenco di 371 località, di cui 4 in Umbria, teatro di avvenimenti rilevanti dell’indipendenza nazionale. A questo proposito ci auguriamo che abbiano luogo i necessari e debiti approfondimento del ruolo e della partecipazione della nostra Regione nelle dinamiche che hanno portato all’Unità d’Italia”. È quanto afferma una nota del consiglio direttivo dell’associazione culturale di promozione sociale, Libera Storia. “La conoscenza della storia contemporanea del nostro Paese è generalmente limitata a poche linee essenziali, realtà sulla quale le istituzioni e il sistema scolastico debbono cercare di intervenire promuovendo una conoscenza dinamica, e non solo meramente nozionistica, della storia d’Italia, per cui le imminenti celebrazioni possono costituire un’occasione irripetibile. Il territorio è uno spazio essenziale dell’identità locale e nazionale e l’individuazione di ben 371 luoghi ritenuti fondamentali per la nostra storia, ai quali è stato deciso di dare rinnovata linfa e visibilità attraverso opere di classificazione, descrizione, restaurazione e riqualificazione, fa sì che sia necessario che anche in Umbria ci si muova in tal senso, soprattutto in ambito scolastico. Il 150° dell’Unità non deve portare alla nostra Regione solo il progetto di completamento dell’aeroporto di Sant’Egidio, ma anche occasione afflusso turistico, di analisi e approfondimento della storia locale in rapporto con quella nazionale. Leggi il seguito di questo post »