liberastoria

Nazismo, ex collaborazionista: incontrai Bormann in Bolivia

In Nazionalsocialismo (1933-1945) on 8 febbraio 2011 at 11:55

Belga racconta, segretario del Fuhrer si spacciava per prete

(Ansa) – Bruxelles, 5 feb – La testimonianza di un ex collaborazionista belga riaccende i riflettori sulla figura di Martin Bormann, l”anima nera’ del nazismo dato ufficialmente per morto a Berlino nel maggio del ’45, ma il cui destino continua a essere avvolto da un alone di mistero. In una lunga intervista pubblicata sul quotidiano ‘La Derniere Heure’, l’ultraottantenne Paul Van Aerschot (nella foto)  – condannato a morte in contumacia dal Consiglio di guerra di Charleroi nel 46 per le attivita’ svolte durante l’occupazione nazista del Belgio – afferma di aver incontrato almeno quattro volte Bormann a La Paz, in Bolivia, dove l’ex collaborazionista belga in fuga si era rifugiato. Erano gli anni ’60. ”Parlavamo in tedesco, lui veniva dal Paraguay”, raccolta Van Aerschodt. ”Si faceva chiamare Augustin von Lembach, portava la tonaca, si spacciava per un padre redentorista e celebrava matrimoni e funerali”. ”Era rimasto un fanatico – racconta ancora l’ex collaborazionista – e insieme a una ventina di ufficiali stava preparando un colpo di Stato da realizzare in Argentina per rovesciare Peron. Gli piaceva il mio ristorante, il ‘Corso’ , che si trovava proprio davanti alla statua di Simon Bolivar”. Rientrato in Europa a San Sebastian (Spagna) nel 1964, Van Aerschodt e’ stato funzionario Onu dal ’69 al ’76 e sostiene che durante il suo soggiorno boliviano ha incontrato spesso anche Klaus Altmann, ignorando pero’ che si trattasse di Klaus Barbie, meglio noto come il ‘macellaio di Lione’. Gia’ nel 1973 la presenza di Bormann in Bolivia era stata segnalata dallo scrittore Ladislas Farago. Successivamente, nell’agosto 1993, fonti del governo paraguayano avevano sostenuto che l’ex Capo della cancelleria del partito nazista e segretario personale di Adolf Hitler era morto ad Asunci¢n ed era stato sepolto in una fossa comune. Tuttavia, nel maggio 1998, le analisi del Dna condotte su uno dei due scheletri ritrovati nel 1972 durante lavori di scavo a Berlino hanno accertato che i resti rinvenuti erano quelli del gerarca nazista. Ma questo non e’ bastato a chiudere definitivamente una vicenda misteriosa che dura dalla fine della Seconda Guerra mondiale.

Annunci
  1. Hi liberastoria, your nazismo ex collaborazionista incontrai bormann in bolivia post is really one particular of the most beneficial substance that :-bd.
    Dont forget to visit back my blog (http://downloadmp3indonesia.net/), glad to meet you… Thanks…,Best!!! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: